BQ e la tecnologia a portata di tutti

Riteniamo che la conoscenza debba essere libera e che l’istruzione venga prima di tutto. Educhiamo alla tecnologia parlando in modo semplice e chiaro dei nostri prodotti

E’ una delle frasi che compare nella sezione “Chi Siamo” del sito della BQ (http://www.bq.com), azienda ch realizza smartphone, tablet, stampanti 3D e kit educativi per insegnare ai ragazzi la programmazione.

In Italia probabilmente l’azienda non è conosciutissima ma lo è decisamente in Spagna, paese di origine dell’azienda nel quale BQ è diventata il terzo produttore di smartphone.

BQ nasce nel 2010, quando un gruppo di 16 ingegneri decide di lanciarsi nel mondo dell’elettronica per progettare e produrre dispositivi: dopo 5 anni BQ conta più di 1.000 dipendenti. Una particolarità? Tutto viene prodotto sul territorio iberico e nulla viene prodotto in China.

Tablet, Smartphone, schede per Maker, tutto viene progettato da zero in Spagna.

Nel catalogo dell’azienda sono presenti kit per la costruzione di robot basati su schede compatibili con Arduino, fra i prossimi kit rilasciati ci sarà Zowi, un robot open source su piattaforma Arduino che può essere usato come base di partenza per imparare sia i fondamenti di elettronica sia la programmazione.

BQ ha realizzato un sistema a blocchi: nessuna riga di codice ma mattoncini da impilare nel browser per generare il programma finale.

Zowi sarà basato su una board compatibile Arduino, una una serie di sensori, di led, di pulsanti e di motori che potranno essere controllati da uno smartphone o da un programma caricato in memoria. Tutti i pezzi saranno intercambiabili, e tramite i progetti online sarà possibile anche stampare nuove teste.

Zowi  verrà messo in commercio a 99 euro inizialmente solo in Spagna e Portogallo: la localizzazione della piattaforma di sviluppo visuale in italiano richiede qualche mese.