Sembra che uno dei problemi che blocca la diffusione degli ebook in Italia, sia legato ad una questione di costi.

Negli altri Paesi, infatti, l’equivalente dell’IVA sull’acquisto di libri in formato digitale è pari al 4% mentre in Italia è pari al 21%. Gli ebook sono paragonati al software e non ai libri cartacei. Per questo motivo il costo di un libro in formato digitale, spesso, non differisce di molto rispetto allo stesso libro stampato.

Molti utenti hanno, quindi, affermato di preferire il libro cartaceo a quello elettronico vista la differenza di costi trascurabile.

Ma passare all’uso degli ebook è solo una questione di costi?
Sicuramente la leva economica è un fattore fondamentale, ma non deve essere l’unica. Passare all’ebook è un fattore ambientale: utilizziamo meno carta e non abbiamo problemi di reciclo o di dispersione del materiale nell’ambiente.
Provate a dare un’occhiata alla vostra libreria: quanto posto occupa? Quanti dei libri che ci sono li dento avete letto più di una volta?

Provate a dare un’occhiata al vostro ebook reader: quanti libri ci stanno li dentro, quanto spazio occupa?

E non raccontiamoci la storia del profumo della carta e del piacere di avere un libro fra le mani: quello che conta è il contenuto del libro, è il poterlo fruire dove e quando voglio, il supporto è solo un dettaglio.

 

2012-04-13 08.55.43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *