Ed eccomi con la mia nuova tencomalattia: arduino.
Ho provato in tutti i modi a limitarmi e non comprare l’ennesimo giocattolo tecnologico, ma non ci sono riuscito: alla fine ho ceduto e ho fatto l’acquisto.
Seguendo un po’ di documentazione qui e la, ho preso il set minimo di componenti per iniziare ad usare il processore.
L’ultima versione di Arduino è denominata “uno”: leggendo in giro ho visto che è la versione consigliata. Il mio ordine d’acquisto era quindi composto da:

  • 1 Arduino Uno
  • 1 starter kit

Lo starter kit contiene: una basetta millefori per testare i circuiti, alcuni LED, alcuni resistori, un paio di micropulsanti, un cavo USB ed altri componenti minimi utili per iniziare a fare i primi circuiti. Chi ha già dimestichezza con l’elettronica, sicuramente avrà già una buona parte dei componenti necessari ad iniziare.

Per iniziare a giocare è necessario installare il software di sviluppo di Android, io ho deciso di fare il setup sul Mac. L’ambiente è disponibile per Windows, Mac e Linux.

La documentazione messa a disposizione sul sito ufficiale del progetto arduino è esaustiva, qui si trova il tutorial per fare il setup del software per Mac

Il .dmg è scaricabile direttamente dalla pagina dei download del sito ufficiale di Arduino.

Nel DMG ci sono due oggetti: un file che contiene l’applicazione per lo sviluppo e un .pkg che contiene i driver per far riconoscere al Mac la scheda Arduino collegata via USB.

L’installazione avviene facendo doppio click sul file .pkg e trascinando l’applicazione nella cartella di sistema “Applicazioni”.

Bene adesso siamo pronti a collegare il controllore al Mac attraverso il cavo USB.
Le procedure descritte nel “Getting Started” dicono di iniziare sul inviando al processore Blink che, come si intuisce dal nome, fa lampeggiare il LED “L13” presente sulla scheda. Nel mio caso, una volta collegato, il controller ha iniziato a far lampeggiare L13 senza che io facessi nessuna operazione particolare. A questo punto, per capire se avevo fatto tutto bene, ho provato a cambiare il codice dell’esempio in questo modo:

1
2
3
4
5
6
7
...
void loop() {
digitalWrite(13, HIGH);   // set the LED on
delay(100);              // wait
digitalWrite(13, LOW);    // set the LED off
delay(100);              // wait
...

Nulla di particolare rispetto all’esempio originale: semplicemente ho cambiato la frequenza con la quale il LED lampeggia. Nell’esempio originale il LED la frequenza è pari a 1 secondo, dopo la modifica sarà pari a 1/10 di secondo.

2 thoughts on “Iniziare con Arduino

  1. Molto interessante! Dopo che avete iniziato con Arduino, v’invito a dare un’occhiata sulle applicazioni arduino 😉
    it.emcelettronica.com/applicazioni-arduino-con-3d-studio-max-come-simulare-controllo-dei-servomotori-di-braccio-meccanico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *