Ma dov’è finita la tanto attesa PEC? Questa domanda mi è venuta spontanea qualche giorno fa, per un accordo commerciale la mia azienda ha dovuto mandare 40 raccomandate (anticipate via FAX) a 4 soggetti diversi.
Scrivi la lista su excel, scrivi il testo della raccomandata su word (15 fogli per ogni copia), stampa due copie per ogni etichetta (una va sulla busta e l’altra sulla cartolina di ritorno della raccomandata) piega i fogli e mettili nelle buste. Spedisci le buste. 2 ore perse. A tutti i 40 soggetti è stato richiesto se al posto della vecchia raccomandata, poteva essere inviato un messaggio di posta elettronica certificata. La risposta è stata negativa da parte di tutti. L’impressione è che questo progetto sia rimasto un po’ nel cassetto, dopo uno slancio iniziale dato dal Ministro Brunetta tutto si è quietato, lo Stato stesso, con alcuni suoi Ministeri o Enti, fa fatica ad accettarla. Penso che ancora una volta siamo davanti all’ennesima sconfitta tecnologica, l’Italia non riesce ad uscire dal suo Medioevo tecnologico….. Provaci ancora Italia……

One thought on “PEC? No, grazie

  1. E’ come il casco o le cinture, di per se l’idea è ottima, ma oramai tutti sono abituati in un’altra maniera (la mail normale) e quindi viene percepita come una rottura. Bisogna avere giusto quella ventina d’anni di tempo per “re-inizializzare” le abitudini 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *