Nella fotografia ci sono molte cose da tenere in considerazione, come illuminare il soggetto, che velocità dare all’otturatore, ma una delle cose meno semplici è capire esattamente quanta profondità avranno le nostre immagini in base all’apertura: ovvero la profondità di campo

Il suo corretto uso, può trasformare una fotografia piatta e noiosa in una foto d’effetto.
Capire come si comporta questo fenomeno, sembra facile. Più chiuderemo il diaframma, più la profondità di campo aumenterà: questa la regola generale.
Ma poi si ha a che fare con le fotografie e non con le formule e, ancora una volta ci si accorge che l’esperienza fa la parta da leone.
Questo video, presente su youtube, fa toccare con mano, quanto dominare questo fenomeno sia importante per fare belle fotografie.

Per aiutarci a capire come comportarci, oltre che andare a meri tentativi ragionando sul risultato delle nostre prove, esiste un modo per calcolare la profondità di campo in base all’apertura del diaframma ed alla lunghezza focale dell’obiettivo utilizzato.
Visto che la profondità di campo è legata a queste variabili attraverso una formula matematica, c’è chi ha pensato di mettere in commercio una sorta di “regolo”per rendere più agevoli le prove dei fotografi in erba.
Un esempio è il disco Expoaperture.

Expoaperture permette di risparmiare tempo con continue prove alla ricerca dello scatto con la giusta profondità ed aiuta a farsi esperienza per arrivare a scattare, un giorno, senza di esso rendendo tutto automatico.

In realtà, i dischi, sono due:uno per le focali da 15mm a 135mm e l’altro per quelle da 70mm a 600mm. Basta impostare il sensore utilizzato dalla propria macchina e poi scegliere l’apertura e la lunghezza focale. Girando il disco si vedrà a quale distanza quanta profondità di campo si otterrà. Oppure si può decidere la profondità voluta e poi lasciare calcolare al disco l’apertura necessaria a quella lunghezza. Può anche rivelarsi utile per decidere quale obiettivo si adatta meglio alle nostre esigenze, permettendoci di scoprirlo in base al tipo di foto che facciamo.

Direi un buon strumento di apprendimento dal prezzo comunque contenuto di 40$, circa 26€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *