Evidentemente non sono un grande sostenitore di casa Microsoft, personalmente non amo molto i sistemi operativi e l’approccio usato dalla casa per la vendita e lo sviluppo del software. Questo è il motivo principale per cui tendo ad utilizzare il mondo degli Un*x (Linux, FreeBSD) negli ambienti server e Apple come desktop casalingo.
Pensavo che la maggior parte degli utenti Mac fosse d’accordo con me almeno per quanto riguarda l’uso del desktop, mentre mi ritrovo, con un certo stupore, un continuo fiorire di ambienti di ‘virtualizzazione’ che permettono di far girare Windows sui Mac!
L’ultimo arrivato è “Fusion” prodotto da Vmware.
Ecco gli altri:

  • Paralles: permette di far girare Windows XP sia da una partizione creata con Bootcamp o di installarlo su un filesystem nella stessa partizione MacOS X senza dover cambiare il partizionamento del disco
  • Boot Camp: è lo strumento ufficiale di casa Apple. Il programma partiziona in automatico il disco fisso della macchina e guida l’utente nell’installazione di Windows. Al boot della macchina l’utente può scegliere se far partire Windows o MacOS X
  • Fusion: è l’ultimo arrivato, presentato da VMware è la risposta della casa a Paralles

Ho provato Bootcamp e Parallels: entrambi fanno bene quello che promettono, ma…. a cosa serve?
Perché compare un Mac ed usarci sopra Windows?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *