Cosa sia il phishing lo sappiamo ormai (quasi) tutti.

Ma la domanda adesso è la seguente: Come mai il phishing funziona? Cosa spinge un utente a dare seguito a strane email che gli richiedono di digitare informazioni personali e segrete su un sito web?

A tentare di dare delle risposte a queste domande ci hanno pensato un gruppo di ricercatori dell’Università di Harvard e di Berkeley. Questo il link al documento PDF contenente i risultati dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *